Glu On The Road Home

Budapest in love. Alla ricerca di locali gluten free tra luci e fiocchi di neve.

Budapest-gluten-free

Questa volta è iniziato tutto con una semplice e comune frase: voglio partire!

Personalmente questa è una frase che utilizzo spesso, come molti di voi credo. Ma tutte le volte che viene pronunciata la si lascia lì, in sospeso. Vi starete domandando di che cosa stia parlando. Semplice! Del fatto che quando si pronuncia questa frase non si parte mai veramente subito e ciò sembra non accadere neanche nelle settimane successive.

Ma questa volta ho deciso di fare uno strappo alla regola e partire.

Così, come accade nel mondo della WaltDisney, il sogno diventò realtà!

Ritornando a noi, la meta scelta per questa piccola avventura è Budapest, da molti soprannominata la Parigi dell’Est.

Una città affascinante attraversata dal maestoso fiume Danubio che separa la capitale in Buda, la parte più antica e Pest, considerata la parte nuova.

Durante le feste natalizie la città regala ai suoi abitanti e ai visitatori momenti unici e romantici.

I mercatini di Natale nelle piazze, le luci, la musica, il calore proveniente dai calderoni pieni vin brulé, la neve che ricopre i tetti e le strade rendono questa città ancora più magica.

Il nostro appartamento si trova nella parte di Buda, vicino alla fermata Batthyany Tér, dalla quale si può ammirare Országház, il parlamento di Budapest, posto proprio sulla sponda opposta alla nostra fermata.

Simbolo della città che riflette la sua immagine sul Danubio.

Credetemi se vi dico: uno spettacolo a cielo aperto!

Passeggiare tra strade, parchi e colori.

Partendo dalla parte di Buda e attraversando il Ponte delle Catene, il ponte più vecchio di Budapest, potrete dirigervi verso il Parco Erzsébet tér, vicino al Museo della Tecnologia e fare una passeggiata per la Fashion Street, tutta illuminata e addobbata durante le festività. Da andate verso la Sinagoga, facendo attenzione agli orari di apertura in modo da poterla visitare.

Una volta visitata la Sinagoga, che risulta essere molto bella anche solo se la si guarda dall’esterno, il consiglio è di farvi una bella passeggiata ammirando i murales che colorano la città.

Budapest-street-art

Solito consiglio: girate e perdetevi tra i vicoli e le strade della città!

Non troppo lontano potreste fare un salto alla Basilica di Santo Stefano che nel periodo delle festività natalizie è circondata da mercatini dell’artigianato e piccoli street food.

Mentre girovagate e scoprite le piccole e grandi vie della parte Pest della città, non troppo lontano dal Magyar Állami Operaház, l’elegante Teatro dell’Opera che purtroppo per lavori di restauro non ho potuto visitare, potreste fermarvi a prendere qualcosa di caldo al Cat Café.

Un locale in cui potersi rilassare e magari fare amicizia con un amico a quattro zampe. No, non mi sono sbagliata a scrivere… dei bellissimi gatti che si rilassano, si sgranchiscono e che, se ne hanno voglia, si avvicinano per lasciarsi coccolare da voi!

Per gli amanti degli animali questo è il luogo perfetto in cui fare una pausa e recuperare energie prima di riprendere a camminare.

Se ne avete voglia non molto lontano dal Cat Café fate un salto al Gozsdu Udvar, un piccolo e carino mercatino vintage tra le vie della città.

Budapest gluten free, tra attrazioni e colori.

Rimanendo in zona non potete non regalarvi una cena da Drop, un moderno ristornate gluten free.

budapest-gluten-free

Qui potrete ordinare e gustare dell’ottimo gulasch gluten free. Un piatto saporito e delizioso contro il freddo della città, accompagnato da del morbido e buon pane senza glutine.

Si tratta di uno spezzatino tipico che spesso vedrete servito come zuppa all’interno del pane.

Ma andiamo avanti con le ordinazioni!

Qui i piatti senza glutine da poter ordinare sono veramente tanti! Una vasta scelta tra primi, secondi, antipasti, panini, dolci e bibite gluten free.

Budapest-gluten-free

I miei occhi sono finiti sulla sezione “hamburger” del menù… non potevo non ordinarne uno!

Un buon hamburger gluten free, accompagnato da croccanti e squisite patatine fritte.

Potrete immaginare il mio stato dopo aver mangiato tutto questo… assomigliavo a Sbaffini di Braccio di Ferro, stessa gioia nel mangiarlo ed uguali dimensioni dopo aver finito il tutto.

Ma a quel punto mi sono detta: che fai il dolce non lo prendi?

Breve suspens e alla fine mi dispiace ammetterlo ma non ce l’ho fatta.

Il nostro viaggio non si conclude di certo qua, all’interno del primo locale senza glutine! Sono ancora tante le cose da vedere e scoprire a Budapest.

Nel prossimo articolo continueremo la scoperta di questa magica città ricoperta di neve.

Ti è piaciuto questo articolo? Non abbiamo dubbi, se sei arrivato fino in fondo ci sono buone possibilità che la risposta sia affermativa! Allora, se ti va, condividilo con i tuoi amici.

Condividi su FACEBOOK, cinguetta su TWITTER e fai +1 su GOOGLE+! Usa i tasti qui sotto e facci sognare!

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.