Glu In Città Home

Alzati e cucina diventa un libro: Luci e Fra ce lo raccontano!

alzati-e-cucina-ricette-per-il-mal-amore

Qualche mese fa ve le abbiamo presentate. Le abbiamo contattate e gli abbiamo chiesto:

Ragazze voi dovete scrivere un pezzo per noi! Deciso!

Francesca e Luciana, l’anima di Alzati e Cucina – Ricette per il mal d’amore, il blog che tutti gli appassionati di cucina devono leggere, non si sono perse d’animo. In un battibaleno ci hanno mandato un articolo che noi abbiamo adorato e noi, per ricambiare, abbiamo creato una ricetta per loro. 

Noi siamo follemente innamorate del loro blog, lo ammettiamo. Ci piace lo spirito, ci piace l’ironia, ma soprattutto ci piace l’idea che da un problema ne possa nascere una risorsa. Un po’ la stessa idea che anima il nostro blog.

Qualche giorno fa Luciana e Francesca ci scrivono su Facebook per dirci che è uscito il loro nuovo libro: Alzati e cucina. Ricette per il mal d’amore

Noi lo sapevamo già e allora ne è nata una bella chiacchierata. Quella che i giornalisti chiamerebbero intervista, ma che noi preferiamo definire un bellissimo scambio di idee e di esperienze.

alzati-e-cucina-cover-libro

Luciana e Francesca ci raccontano Alzati e Cucina – Ricette per il mal d’amore

S. & A. Ciao Francesca e ciao Luciana, siamo qui riunite per un’occasione importante: cosa è successo il 29 settembre?

F. & L. È successo un fatto gravissimo, è uscito il nostro primo libro. Una sorta di guida psico-culinaria contro le sofferenze amorose. Scritto a quattro mani e tratto dalle storie dei lettori del nostro blog, Alzati e Cucina – Ricette per il mal d’amore non è un libro di ricette ma un ibrido, una raccolta di racconti sentimentali con ricette annesse. Ricette con cui provare ad attenuare le pene d’amore.

S. & A. Come è nato questo libro, tratto dal vostro fortunatissimo blog Alzatiecucina.com?

F. & L. Nasce per merito, crediamo, ma anche per una serie di coincidenze fortunate. Un anno fa ci arrivò l’e-mail di una giornalista di Repubblica.it con una richiesta tempestiva di materiale fotografico e di risposte ad una breve intervista. Noi, incredule, facemmo tutto in cinque minuti e il giorno dopo andammo online. Da non credere, un blog appena nato faceva parlare di sé addirittura Repubblica.it. Fioccarono i like sulla pagina Facebook, le visite al blog e qualche giorno dopo arrivò addirittura la proposta di una casa editrice, Lit Edizioni con la collana Ultra Food (ultraedizioni.it). Una ragazza dell’amministrazione della casa editrice aveva per caso letto il pezzo di Repubblica.it e… eccoci qui.

S. & A. Ci raccontate della gestazione del libro Alzati e cucina. Ricette per il mal d’amore ?

F. & L. È stato un processo lungo e travagliato. All’inizio avevamo optato per il libro di ricette classico ma col tempo abbiamo capito che non era quello che volevamo, queste cose c’erano già ed erano sul blog. E poi noi non siamo due chef, non siamo cuoche, siamo giornaliste e scrittrici prestate alla cucina che amano il cibo sano e anche quello un po’ meno sano che è tanto consolatorio. Poi parlandone approfonditamente con la nostra editor abbiamo trovato un punto d’incontro attraverso i racconti, a nostro avviso il vero punto di forza del format di Alzati e Cucina, senza però tralasciare le ricette. Anche quelle sono importanti e sul libro trovate ingredienti, suggerimenti e procedimento, sul blog trovate tutto il resto.

lucifraprofilo

 

S. & A. Siamo molto curiose: qual è la ricetta a cui siete più affezionate?

L. Per me senz’altro quella degli Spaghetti al limone, una delle più gettonate del nostro blog e che mi ricorda tanto un piatto simile che cucinava e cucina tuttora mia mamma.

F: Io dico la Crema al whiskey, oltre ad essere buonissima è legata ad una delle prime storie che ci sono arrivate. In quel momento ho realizzato che il blog stava cominciando a funzionare e funzionare bene.

S. & A. Qualche mese fa vi abbiamo inviato una ricetta strepitosa, la cheesecake senza glutine, avete provato a farla a casa?

F. & L. Non l’abbiamo ancora provata perché nelle nostre vite negli ultimi mesi ci sono stati molti cambiamenti e il libro ci ha impedito anche di lavorare al nostro amato blog, ora che è finalmente uscito in libreria e negli store online più grandi ricominceremo a sperimentare e a creare nuove avventure gastro-romantiche. E proveremo la vostra cheesecake!

S. & A. Ditecelo, che ci fanno due critiche cinematografiche su un blog di cucina?

F. & L. Semplice, cambiano vita. Fare giornalismo oggi è diventato impossibile, sul web in particolare. Dopo l’ennesima delusione lavorativa che ci costringeva a lavorare duramente senza sapere se e quando sarebbe arrivato lo stipendio, abbiamo deciso di dire NO e di lavorare su di noi facendo qualcosa che ci gratifica e ci regala sempre cose nuove e felici. Ecco, invece di piangerci addosso abbiamo fatto tesoro del motto del blog: ci siamo rialzate e abbiamo cucinato rimboccandoci le maniche. Abbiamo ricominciato da zero con un progetto tutto nostro.

S. & A. I nostri lettori sicuramente lo vorranno sapere, avete una ricetta senza glutine da consigliarci?

F. & L. Ovvio che sì, i nostri gnocchi di patate senza glutine. Ecco il link alla ricetta, sono una vera bomba!

S. & A. Parliamo dei progetti futuri: avete creato un blog seguitissimo, avete pubblicato un libro Alzati e Cucina – Ricette per il mal d’amore ( Alzati e cucina. Ricette per il mal d’amore potete comprarlo qui, ne vale la pena!), ora cosa avete in mente di fare? Avete già progetti da mettere in atto?

F. & A. Certo! Vogliamo provare a intraprendere la strada radiofonica magari con una piccola rubrica, tentare anche con un format televisivo e una posta del cuore su una qualche rivista web o cartacea sarebbe il massimo. Se qualcuno ci vuole sa dove trovarci. Quindi… voleteci!

S. & A. Un’ultima domanda. Nella sua presentazione sul blog, Francesca scrive: “Alle persone a cui voglio molto bene ho regalato almeno un pacchetto di biscotti confezionati da me. Se non avete ancora avuto dei biscotti, possono essersi verificate tre cose: 1) Non ci conosciamo 2) Non ho avuto tempo 3) Non vi voglio bene”. Perché noi non abbiamo ricevuto ancora nulla?

F. perché all’epoca non ci conoscevamo ma ora sì e vi proponiamo uno scambio, voi ci regalate un pacchetto di biscotti fatti da voi con una nuova ricetta inedita e noi faremo altrettanto, tutti rigorosamente senza glutine. Vediamo di chi sarà il biscotto più buono. Che ne dite?

Sfida accettata, però noi accettiamo volentieri l’aiuto del pubblico! Ci mandate qualche ricetta utile?

Ti è piaciuto questo articolo? Non abbiamo dubbi, se sei arrivato fino in fondo ci sono buone possibilità che la risposta sia affermativa! Allora, se ti va, condividilo con i tuoi amici.

Condividi su FACEBOOK, cinguetta su TWITTER e fai +1 su GOOGLE+! Usa i tasti qui sotto e facci sognare! 

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.