Home

Sardegna, il racconto di un viaggio unico e di una cena gluten free

Come si fa a descrivere in poche righe la Sardegna? Un posto così ti rapisce il cuore. Sulla nave per il rientro senti la malinconia assalirti e pensi già alla prossima estate e alla voglia di andare. Scoprire una terra bella e ancestrale come questa. 

Avevamo deciso di non scrivere nulla sulla Sardegna, sulla nostra “vacanza”. Ma per noi anche le vacanze diventano una fonte inesauribile di scoperta. Un viaggio continuo, sempre alla ricerca di qualcosa da vivere in maniera estrema. E così, visto che siamo state definite le “food trotter sglutinate”, vogliamo raccontarvi di questi 15 giorni stupendi che, siamo certe, non dimenticheremo mai!

Santa Teresa di Gallura, un tuffo dove l’acqua è più blu!

Santa Teresa di Gallura è un posto capace di togliere il fiato. Le spiagge che la circondano ne fanno un vero e proprio capolavoro. Perdetevi nella bellezza mozzafiato di un tramonto sulle rocce granitiche di Capo Testa da cui vedrete il sole scendere a picco nel mare e colorare il cielo di sfumature imperdibili.

A pochi minuti a piedi da qui c’è un altro posto che vi farà dimenticare ogni cosa. La sensazione che si prova quando si arriva a Valle della Luna è di essere stati dimenticati dal mondo. In questa piccola valle, chiamata Valle della Luna da una comunità hippy negli anni ’60 per la conformazione estremamente particolare dei massi, potrete conquistare uno scoglio da cui godere la pace e il silenzio totali.

valle-della-luna-sardegna-gluten-free

Se non siete amanti della arrampicate e dei percorsi tortuosi ma preferite le spiagge facilmente percorribili vi consigliamo la meravigliosa Rena Majore.

Ale, ma sei sicura che non siamo a Formentera?

Silvia, un mare così bello l’ho visto solo qui in Sardegna…

Pazzesco! Dimmi che possiamo rimanere qui!

Sì, il primo pensiero che vi verrà in mente è quello di non voler più tornare a casa! Tranquilli, è normale! Difronte ad uno spettacolo così è impossibile volersene andare!

rena-majore-sardegna-gluten-free

E poi ci sono quei posti che non riesci a dimenticare più. Che ti entrano nel cuore. Che ti ricordano la bellezza dell’incontaminazione. Che ti fanno tornare alla mente i sorrisi delle persone con cui li condividi e e che hanno contribuito a renderli unici. Punta Falcone è uno di quei posti. Nel punto più a nord della Sardegna, davanti a Capo Pertusato in Corsica, dal promontorio la vista corre lungo la Corsica e le sue isole di Lavezzi, Cavallo e Budelli.

punta-falcone-Sardegna-gluten-free

Perdetevi per le vie di Santa Teresa di Gallura. Trascorrete nella piazza principale qualche ora. Concedetevi un aperitivo in compagnia. Curiosate per i negozi e ammirate le facciate colorate delle case basse. Questa cittadina sa come farsi amare.

Ristorante La Lampara, il gluten free è di casa!

Proprio a Santa Teresa c’è un ristorante a gestione familiare assolutamente preparato sulla cucina senza glutine. Al ristorante La Lampara potrete assaporare i piatti tipici della tradizione sarda ma soprattutto un pesce fresco di prima qualità. L’antipasto di mare ha deliziato tutti i palati mettendo d’accordi tutti a tavola.

ristorante-la-lampara-sardegna-gluten-free

Ha trionfato la pasta alla lampara, il piatto forte del ristorante che ha proposto ad Alessandra i rigatoni senza glutine al posto dei tradizionali paccheri. Beh, leccarsi i baffi è un must, ve lo assicuriamo! E se ad accompagnare il tutto è il vino che vi sapranno consigliare i camerieri, state certi che sarà una cena indimenticabile.

ristorante-la-lampara-sardegna-gluten-free

Porto Pollo, dove tira sempre il vento giusto

Se siete appassionati di vela, windsurf, kitesurf o semplicemente di tramonti mozzafiato Porto Pollo è la spiaggia che fa per voi! Non andatevene via prima che cali il sole altrimenti vi perderete il meglio di Portu Puddu… A breve distanza, la spiaggia di Porto Liscia, fateci un salto all’alba perché quei colori difficilmente li rivedrete!

porto-liscia-sardegna-gluten-free

Della Sardegna ci mancherà tutto. Ci mancherà il tramonto. L’alba. I silenzi. Le spiagge. Le calette. Il mare. La natura incontaminata. La gente del luogo. Le serate trascorse in spiaggia a raccontarsi milioni di cose oppure semplicemente aspettando che il sole sorga, come ogni mattina, perché qui è un rito. La scoperta di posti unici. Sorseggiare il caffè senza avere impegni. Gli abbracci. Gli arrivederci.

Grazie alle persone che hanno condiviso con noi questo viaggio. Perché senza di loro questo viaggio non sarebbe stato lo stesso. Perché senza la loro follia questo viaggio non avrebbe assunto i colori e le sfumature di quei tramonti e di quelle albe che ci rimarranno per sempre nel cuore.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Non abbiamo dubbi, se sei arrivato fino in fondo ci sono buone possibilità che la risposta sia affermativa! Allora, se ti va, condividilo con i tuoi amici.

Condividi su FACEBOOK, cinguetta su TWITTER e fai +1 su GOOGLE+! Usa i tasti qui sotto e facci sognare! 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.