Glu On The Road Home

Giappone senza glutine, una terra tutta da scoprire

Giappone-senza-glutine

E’ difficile raccontare in poche parole un viaggio così. Perché di cose ce ne sarebbero davvero tante da dire. A partire dai ringraziamenti. Alla persona che ci ha permesso di essere in Giappone, Alice, guida inesauribile e fonte piena di idee. A questa splendida terra che ci ha accolte dal primo istante che siamo arrivate. E a noi, per essere state due compagne di viaggio straordinarie e alla costante ricerca di posti, luoghi, sensazioni da scoprire.

Ma il Giappone non può essere raccontato in un solo articolo, ha bisogno di un respiro più ampio, di margini più estesi, di emozioni più profonde. Proprio per questo motivo, questa sarà solo una breve introduzione. Nei prossimi giorni potrete scoprire tutto quello che abbiamo visitato, assaggiato, curiosato e provato in un ebook e in un video racconto.

Giappone-senza-glutine

Intanto vi diamo qualche piccola anticipazione.

Il Giappone: una terra, mille emozioni

Vogliamo iniziare questa storia con un consiglio. Non limitatevi. Viaggiate. Esplorate. Fermatevi a parlare con la gente. Assaggiate i piatti, ma fatelo con prudenza e documentatevi. Il Giappone è una terra unica. Uno di quei posti che non ha eguali nel mondo. La sua cultura. Le sue persone. La sua gentilezza. La sua purezza. La sua educazione. Tutto questo vi ripaga delle 13 ore di viaggio.

Abbiamo vissuto 10 giorni tra passato e futuro. Dall’incrocio di Shinbuya circondato da grattaceli al silenzio pieno di pace dei giardini del sacro santuario di Menji-Jingu. Dalla calma con cui i giapponesi affrontano la loro routine alla rapidità con cui si muovono i loro mezzi di trasporto. Dalla tradizione di Kyoto al futurismo di Tokyo. Il Giappone è tutto questo. E’ la contraddittorietà dei giapponesi, così aperti alle novità, ma così ostili al contatto con l’altro. Non dimenticheremo mai gli “abbracci liberi” alla stazione di Harajuku, i sorrisi di quei ragazzini che, per un attimo, si sono sentiti liberi di vivere spontaneamente un momento così emozionante. Eppure il popolo giapponese è un popolo meraviglioso, capace di costruire idee, di farle divenire realtà, di appropriarsi delle proprie tradizioni. Perché qui nessuno dimentica da dove viene. Come è stato il suo passato e con quale obiettivo vuole vivere il futuro.

Giappone-senza-glutine

Tokyo è una città in eterno divenire. I cantieri aperti ben rappresentano lo spirito di continua evoluzione che la anima. In ogni angolo i templi buddhisti e shintoisti si nascondono dietro grattacieli su cui si riflettono i fiori di loto che in questo posto sembrano non appassire mai.

A Kyoto si respira un’aria completamente diversa. Dalla foresta di bambù ai giardini zen del Tempio d’Argento vi colpirà quella atmosfera più intima e sentimentale di una città in cui sono ben salde le tradizioni. Dormire in una tipica casa giapponese sarà l’esperienza più appagante che possiate fare in Giappone.

Tokyo gluten free

Sushi, sashimi, iakitori, nigiri, soba, ramen. Non rinunciate ad assaggiare i loro piatti tipici, di per sé già senza glutine. Nella guida vi spiegheremo meglio come muovervi per stare più tranquilli. Uno dei più grandi problemi che riscontrerete è la difficoltà nel farsi capire. I giapponesi non parlano bene l’inglese. Proprio per questo vi consigliamo di scaricarvi la carta giapponese che attesta la necessità di mangiare senza glutine, documento da mostrare nei ristoranti e di imparare questo simbolo 小麦  che significa GRANO affinché possiate tentare di farvi capire in qualche modo. Questo perché la cucina tradizionale giapponese non presenta glutine. Infatti i principali ingredienti della sua cucina sono il riso, il pesce e la farina di fagioli. Questo non esclude il fatto che negli anni la diffusione di altre culture culinarie ha contaminato la loro cucina. Non potrà mancare nel vostro viaggio in Giappone il rito del thè verde, ma fate attenzione ai dolci che preparano l’assaggio perché, seppur gluten free, potrebbero essere fatti in strutture dove vengono lavorati prodotti contenenti glutine. Nella guida vi segnaleremo tutti i posti in cui mangiare senza glutine, grazie anche al prezioso aiuto di Alice.

Giappone-senza-glutine

Una volta a casa il Giappone vi mancherà. Vi mancherà la sua cultura. Vi mancherà la gentilezza del suo popolo. La sua incredibile tradizione. Le atmosfere di un posto così lontano. La possibilità di scoprire costantemente qualcosa di nuovo. Ma la vera ricchezza di un viaggio sono le persone che lo animano. I vostri compagni che vi daranno la forza di camminare per ore e vi basterà uno sguardo per sentirvi davvero in pace con il mondo. Perché il Giappone è quel posto così lontano e contradditorio. Ma è anche quel posto che vi farà sentire al sicuro. E tornando a casa concludere i vostri racconti con un ARIGATO GOSAI MAS. Perché tutto quello che avete provato vi mancherà e vi avrà riempito il cuore.

Ti è piaciuto questo articolo? Non abbiamo dubbi, se sei arrivato fino in fondo ci sono buone possibilità che la risposta sia affermativa! Allora, se ti va, condividilo con i tuoi amici.

Condividi su FACEBOOK, cinguetta su TWITTER e fai +1 su GOOGLE+! Usa i tasti qui sotto e facci sognare! 

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply
    Matteo
    8 dicembre 2017 at 11:57

    Ciao Alessandra,
    Perdonami , ma ho letto il tuo articolo e trovo la parte dedicata al gluten free un po’ superficiale. Il ramen, citato all’inizio del tuo articolo contiene glutine. Il principale condimento usato in Giappone, la salsa di soia, contiene glutine e getta il dubbio della contaminazione praticamente su una infinità di alimenti, compreso il riso usato per i nigiri… se a questo unisci il fatto che comunicare con i Giapponesi, se non conosci la lingua, è praticamente impossibile, mi sembra che l’alimentazione in Giappone sia abbastanza ostica per un celiaco.

    • Reply
      Alessandra
      19 marzo 2018 at 9:49

      Ciao Matteo,
      innanzitutto grazie per aver letto l’articolo, le opinioni altrui sono sempre ben accette 🙂
      Ti posso assicurare che il ramen mangiato era a prova di un celiaco e ti dico questo perché ci siamo recate in un luogo che lo faceva appositamente senza glutine. Inoltre sono d’accordo con te nell’affermare che comunicare con i Giapponesi sia complicato se non si conosce la lingua, ma io sono stata accompagnata in questo piccolo tour da una persona esperta della lingua e che vive proprio lì 🙂
      Devo contraddirti rispetto al fatto che l’alimentazione Giapponese sia ostica per un celiaco. Sicuramente non è come qui in Italia o in altri paesi, dove sicuramente è più “facile”, ma posso assicurarti che non è impossibile, sopratutto se sai dove andare 🙂
      Ti ringrazio ancora per la tua opinione 🙂

    Leave a Reply

    This blog is kept spam free by WP-SpamFree.